PINOCCHIO anticomunista - elezioni politiche in Italia 1948

PINOCCHIO: FUMETTO ANTICOMUNISTA
1948 ELEZIONI POLITICHE IN ITALIA


Fascicolo di 8 pagine (2 quartini di 4 facciate ciascuno inseriti uno nell'altro) intitolato "Le avventure di PINOCCHIO" nel quale il burattino viene usato per la propaganda anti comunista contro il Fronte Democratico Popolare tra caricature di Nenni, Togliatti, Stalin, ecc.

Il committente di questo fascicolo fu il Comitato Civico (Nazionale) *, una organizzazione fondata l'8 febbraio 1948 (in poche settimane furono costituiti oltre ventimila comitati locali) finalizzata all'educazione e alla mobilitazione civico-politica dei cattolici in Italia. Furono costituiti da Luigi Gedda (presidente dell'Azione Cattolica) su incarico di papa Pio XII allo scopo di impostare la campagna elettorale del 1948 nel senso di una scelta civica, e in funzione anticomunista. Nelle elezioni politiche del 1948, segnate da una campagna elettorale particolarmente tesa, i Comitati Civici sostennero apertamente la Democrazia Cristiana, che superò il 48% dei voti sia alla Camera che al Senato, mentre la lista del Fronte Democratico Popolare si fermò a poco meno del 31% dei consensi, decretando di fatto la fine delle alleanze elettorali a livello di elezioni nazionali tra comunisti e socialisti.    

Formato cm 19 x 27 circa, slegato, copertina e quarta di copertina a due colori, interno in nero, carta leggera dell'epoca. Stampato da Industria Grafica N. Moneta - Milano.

* In alcuni opuscoli sul retro di copertina in basso a destra compare “a cura del Comitato Civico” ed a sinistra “Ind. Graf. N. Moneta - Milano”.

Questo album fa parte della collezione Rames Gaiba



C'era una volta uno sventurato burattino che voleva fare la guerra a tutto il mondo. Invano sua madre, la Fatina Tricolore, lo scongiurava di starsene a casa...









a cura di Rames Gaiba
© Riproduzione riservata

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non potranno essere utilizzati a fini pubblicitari di vendita prodotti.
Non è accettata la condivisione del post a fini pubblicitari.
Il linguaggio deve essere corretto, non offensivo per le persone e per le loro idee.
La responsabilità per quanto scritto nell'area Discussioni rimane dei singoli.

Grazie per l'attenzione.

Rames GAIBA