Pinocchio: cartoline ill. M. Dudovich (1918)


“Pinocchio guarito” – Anno 1918
Illustratore Marcello Dudovich
Edizioni d’arte EUREKA - Serie I
che si compone di 6 cartoline.
dimensione cm. 14,0 x 8,5
In ottime condizioni, non viaggiate e scritte.
Fa parte della collezione Rames Gaiba.


Serie 1 - N. 1

Son due giorni che Pinocchio
non sta punto punto bene:
ha un gran fuoco nelle vene,
... non ha voglia di giucuar.

La Lelè, che se ne intende
la boocuccia gli spalanca:
vede, ahimè, la lingua bianca
e riflette sul da far.

 
 
Serie 1 - N. 2

Senza porre tempo in mezzo
un decotto ella prepara;
ma Pinocchio trova amara
... la bevanda e non la vuol.

La mammina, ognor paziente,
mette a letto il suo piccino,
lo ricopre per benino
e a chiamar manda un dottor.
 
 
Serie 1 - N. 3

Tosto arriva il professore:
fa l'esame del paziente
ed esclama: indubbiamente
... c'è una grave indigestion!!

Ah! - sospira allor la mamma -
Se sapesse quanto lotto!...
Ma gli è tanto e tanto ghiotto
che nessuno ce la può!...


Serie 1 - N. 4

Vana speme!... Come il lupo
perde il pel ma non il vizio,
il piccin non fa giudizio
... e ritorna i vecchi amor...

E un bel giorno, ancor sul fatto,
la Lelè coglie Pinocchio...
pensa un po', poi chiude un occhio
e con l'altro... guarda in là..


Serie 1 - N. 5

È la febbre ormai scomparsa,
l'appetito è ritornato:
già Pinocchio ha abbandonato
... il suo letto di dolor.

E, in presenza degli amici
che lo vengono a trovare
la Lelè gli fa giurare
di non essere più un ghiotton.
 
 

Serie 1 - N. 6

Dopo ben due settimane
d'ansie atroci, d'alti e bassi,
il monello a grandi passi,
... entra in via di guarigion.

Bada! - dice la mammima -
Guai a te se in avvenire
ti farai ancor scoprire
a mangiare dei "bombons" !...



Marcello Dudovich

Marcello Dudovich (Trieste, 21 marzo 1878 – Milano, 31 marzo 1962) è stato un pittore e cartellonista pubblicitario italiano.
Da Trieste si trasferisce a Milano nel 1898, dopo aver fatto le scuole "Reali", istituto d’arte... professionale. Viene assunto come litografo alle Officine Ricordi. Notato dal famoso cartellonista Leopoldo Metlicovitz, viene incaricato di realizzare bozzetti per la pubblicità.
Trasferitosi a Bologna inizia a creare cartelloni pubblicitari, copertine ed illustrazioni per varie riviste (Italia Ride nel 1900 e Fantasio nel 1902), Qui incontra Elisa Bucchi, futura moglie.
All'Esposizione Universale di Parigi del 1900 viene premiato con la Medaglia d'Oro.
Ritorna a Milano alle Officine Grafiche Ricordi nel 1905 per creare nuovi manifesti, tra i più famosi quelli per i magazzini Mele di Napoli e per Borsalino, premiato nel 1911.
Nel 1906 per la celebrazione, il Traforo del Sempione indice un concorso che Dudovich vince, ma il manifesto non verrà stampato.
Nel 1911 è chiamato a Monaco di Baviera (1911), dove sostituisce Reznicek come disegnatore nella redazione di Simplicissimus periodico di satira politica e sociale. Qui sposa Elisa Bucchi, conosciuta durante il soggiorno a Bologna.
A Torino, tra il 1917 ed 1919, crea per il cinema diversi cartelloni e lavora per varie aziende (Carpano, Fiat, Pirelli, Alfa Romeo e le Assicurazioni Generali).
Per La Rinascente di Milano realizza diversi manifesti (tra il 1920 e il 1929) e nel 1922 viene nominato direttore artistico dell'Igap.
Nel 1930 disegna il celebre manifesto per i copertoni Pirelli. Dopo la Prima Guerra Mondiale lascia un po’ da parte l’attività pubblicitaria e si dedica alla pittura.
Muore il 31 marzo 1962 a Milano per emorragia cerebrale.



Rames Gaiba

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non potranno essere utilizzati a fini pubblicitari di vendita prodotti.
Il linguaggio deve essere corretto, non offensivo per le persone e per le loro idee.
La responsabilità per quanto scritto nell'area Discussioni rimane dei singoli.

Non è accettata la condivisione del post a fini pubblicitari.
Grazie per l'attenzione.

Rames GAIBA
Email: rames.gaiba@gmail.com

-. -. -. -.

Comments can not be used for selling advertising products.
The language needs to be corrected, not offensive for people and their ideas.
The responsibility for what is written in the discussions remains of individuals.

It has accepted the post sharing for marketing purposes.
Thanks for the attention.

Rames GAIBA
Email: rames.gaiba@gmail.com